I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. I dati personali non verranno conservati. Maggiori informazioni.

Area distributori / Domande più frequenti / Compressori a vite / FAQ su Compressori rotativi a vite

FAQ su Compressori rotativi a vite



Quali sono i tempi di consegna?

Dipende dal Customer Center. Alcuni Customer Center hanno scelto di tenere disponibili a magazzino i compressori più diffusi. Si consiglia comunque di tenere un piccolo stock dei modelli più venduti per garantire consegne rapide presso il cliente.

Quanto è la differenza di costi di esercizio tra un compressore a vite a trazione diretta e uno a cinghia?

Le due tecnologie presentano costi di esercizio diversi. L'unità con trazione a cinghia è meno costosa ma ha un consumo energetico medio supplementare del 3%. Inoltre, richiede una manutenzione maggiore, ad esempio per la regolazione della cinghia. La scelta della tecnologia più adeguata dipende dalle esigenze del cliente. 

I compressori a vite con essiccatore integrato richiedono tensione di alimentazione separata?

Dipende dai modelli. Per la gamma attuale compresa tra 30 e 110 kW, è possibile ordinare il trasformatore come opzione e, in questo caso, non è richiesta alcuna alimentazione elettrica separata. Sulle gamme future, tale opzione molto probabilmente sarà disponibile di serie.

Ho appena acquistato un compressore a vite a trazione diretta con recupero di energia integrato; in che modo posso determinare il flusso sul circuito dell'acqua per il recupero di energia?

Il flusso dipende dalle condizioni ambientali e dalla temperatura desiderata. Di seguito è riportata una tabella utilizzabile come riferimento per i compressori da 30 e 37 kW. Tali dati sono inoltre disponibili nel portale MBP > Marketing > Range (Gamma) > Oil injected screws (Gruppi a vite a iniezione di olio) > your model (Modello specifico).
 

Acqua addolcita per 30 kW 
T. in ingresso
T. in uscita
Portata
(l/min)

DP Bar
0
60,0
7,2
0,005
5
58,0
8,0
0,006
10
56,0
9,4
0,007
15
54,0
11,0
0,010
20
52,0
13,5
0,015
25
50,0
17,4
0,025
30
46,5
26,0
0,055
35
44,0
48,0
0,170
40
45,0
90,0
0,566
 
Acqua addolcita per 37 kW
T. in ingresso
T. in uscita
Portata (l/min)
DP Bar
0
59,0
9,0
0,007
5
57,5
10,0
0,009
10
55,0
12,0
0,012
15
53,0
14,0
0,017
20
50,0
17,7
0,026
25
47,0
24,0
0,045
30
44,0
39,0
0,117
35
41,0
87,0
0,540

Quali sono i certificati forniti con il compressore dallo stabilimento di produzione?

La documentazione inclusa con la consegna è costituita da certificati locali: ad esempio per l'Europa, la documentazione CE, mentre per il Nord America l'UL/cUL, ASME. Se al momento della consegna i certificati fossero andati persi, è possibile scaricarli dal portale MBP > Aftermarket (Servizi post-vendita) > Service Connect. Inserire il numero di serie dell'unità interessata nel campo aperto e premere Search (Cerca).

In quanto tempo è previsto il recupero dell'extra-investimento di un compressore a inverter?

Generalmente tra 1-2 anni in condizioni normali e 4.000 ore di funzionamento all'anno. Non di rado il recupero dell'extra-investimento si ottiene anche entro un anno

Qual è il principio operativo di un compressore ad inverter?

In linea generale, presenta gli stessi componenti di un compressore convenzionale con alcune piccole differenze. Un compressore a velocità variabile è dotato di inverter integrato e, spesso, di un sistema di controllo più avanzato. L'inverter regola la velocità del motore in base alla richiesta effettiva di aria rilevata tramite un sensore che misura la pressione del sistema e che lo segnala al controller del compressore. Il controller, quindi, registrata la pressione, invia un segnale all'inverter che regola la quantità di aria che il compressore deve produrre per mantenere la pressione impostata.

Perché un compressore a inverter garantisce un risparmio energetico?

Perché un compressore a inverter/velocità variabile non produce una quantità d'aria superiore a quella richiesta. Un compressore convenzionale funziona entro una fascia di pressione. Quando raggiunge la pressione massima, la macchina entra in modalità di scarico, ossia il motore è in funzione ma non viene prodotta aria. Quando raggiunge il valore minimo della pressione, il compressore inizia nuovamente ad accumulare pressione fino a quando non raggiunge di nuovo la pressione di scarico. Un compressore a inverter/velocità variabile ha un tempo di scarico inferiore e funziona a un valore di pressione impostato, quindi generalmente presenta un'efficienza energetica superiore del 30% rispetto a un compressore a carico/a vuoto convenzionale.

Perché è necessario un separatore dell'acqua interno?

Innanzitutto, un separatore dell'acqua interno al compressore NON è strettamente necessario
ma può offrire alcuni vantaggi nei seguenti due casi:
  1. Compressore a vite senza essiccatore integrato: l'utilizzo di un separatore d'acqua interno consente la rimozione di parte dell'acqua dall'aria compressa prima che questa venga erogata per l'utilizzo.
  2. Compressore a vite con essiccatore integrato: l'utilizzo del separatore a monte dell'essiccatore consente la rimozione di parte dell'acqua, offrendo anche la possibilità di scegliere un essiccatore d'aria di taglia inferiore.

Sono necessarie delle raccomandazioni particolari relativamente alla ventilazione della sala compressori?

Tutte le sale compressori richiedono ventilazione. La ventilazione minima richiesta per la sale può essere calcolata tramite la formula seguente:
Qv = 1,06 N / T per unità Pack
Qv = (1,06 N + 1,3) / T per unità Full-Feature
Qv = flusso d'aria di raffreddamento richiesto (m³/s)
N = ingresso dell'albero del compressore (kW)
T = aumento di temperatura nella sala compressori. (generalmente 7 °C)
Se il raffreddamento del compressore è canalizzato, la ventilazione richiesta corrisponde alla capacità della ventola del compressore. Tale dato è indicato nel manuale di istruzioni.



Solo per i distributori