I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. I dati personali non verranno conservati. Maggiori informazioni.

Area distributori / Domande più frequenti / Soluzioni per aria di qualità / FAQ su Soluzioni per aria di qualità

FAQ su Soluzioni per aria di qualità


Qual è la temperatura ambiente e di ingresso massima consentita per gli essiccatori?

La temperatura ambiente massima è pari a 45 °C mentre la temperatura di esercizio massima è di 55 °C. Per ulteriori informazioni relative al modo in cui determinare le dimensioni richieste dell'essiccatore in base alle condizioni ambientali, vedere la scheda sulla seconda pagina.

A volte ricevo e-mail dal mio Customer Center relativamente agli essiccatori con denominazioni A3, A11 e così via. A cosa si riferisce questa denominazione?

Si tratta di un codice di denominazione interno utilizzato dall'azienda di produzione. Non è necessario che il cliente impari questi codici mentre è buona prassi che il concessionario apprenda di volta in volta il significato di questi termini. Questa "denominazione interna" è visibile inoltre sulla targhetta dati apposta sul retro dell'essiccatore.

Cos'è il "PUNTO DI RUGIADA IN PRESSIONE"?

Punto di rugiada in pressione, ossia, per una data pressione, la temperatura alla quale il VAPORE ACQUEO inizia a condensarsi IN acqua liquida.

Dove vengono prodotti gli essiccatori a refrigerazione?

La maggior parte viene prodotta nel Nord Italia (Brendola). L'Italia settentrionale vanta una lunga tradizione di attività legate all'aria compressa e la regione offre forza lavoro competente e altamente qualificata.

In che modo si devono scegliere le dimensioni dell'essiccatore? Devono corrispondere alla capacità massima dei compressori?

Non esiste una regola precisa da seguire, ma è necessario considerare alcuni punti:
• Punto di rugiada in pressione (PDP) richiesto.
• Volume di aria compressa (SCFM o l/min)
• Temperatura di ingresso massima dell'essiccatore d'aria compressa (°F o °C)
• Temperatura ambiente massima (°F o °C)
• Pressione aria compressa massima (PSIG o BAR)
• Caduta di pressione dell'essiccatore massima consentita (PSIG o BAR)
Il valore FAD pubblicato negli opuscoli si basa sulla CONDIZIONE DI RIFERIMENTO:
• - pressione di esercizio 7 bar.
• - temp.di esercizio 35 °C
• - temp. ambiente 25 °C.
• Se l'essiccatore deve funzionare in condizioni di riferimento differenti, è necessario calcolare il nuovo valore FAD in base ai fattori di correzione indicati di seguito:

Dove deve essere posizionato l'essiccatore? A monte o a valle del serbatoio, e dove devono essere collocati i filtri?

La soluzione ottimale per garantire un flusso d'aria compressa regolare e stabile in ingresso nell'essiccatore consiste nel posizionare il serbatoio a monte di esso. Il filtro deve essere posto tra l'essiccatore e il serbatoio. L'ingresso di aria pulita all'interno dell'essiccatore ne estende la durata e garantisce una migliore qualità dell'aria. Chiedere al cliente qual è l'utilizzo finale dell'aria compressa, ad esempio se viene utilizzata nel settore alimentare la strumentazione deve essere certificata ISO. Rivolgersi al responsabile delle vendite se non si è sicuri della classificazione ISO oppure consultare l'opuscolo sui filtri.

In quali circostanze e perché è necessario un essiccatore?

In pressoché tutte le applicazioni e le aree che ne richiedono l'impiego. L'utilizzo di un essiccatore può essere evitato in un numero limitato di applicazioni, ad esempio nel caso in cui l'aria si trova a contatto diretto con l'acqua. La condensa ha un impatto negativo diretto su tutti i tipi di apparecchiature. Al fine di proteggere la propria produzione, si consiglia vivamente di offrire sempre un essiccatore al cliente finale e di descrivere i rischi che si potrebbero correre se non viene utilizzata aria secca e pulita. 

Quale è la differenza tra essiccatore a refrigerazione e ad adsorbimento?

Gli essiccatori a refrigerazione utilizzano un gas refrigerante per raffreddare l'aria compressa e successivamente rimuovere la condensa dell'acqua dall'aria per ottenere un PDP di MAX 3 °C. Un essiccatore ad adsorbimento utilizza un materiale adsorbente denominato "sostanza igroscopica" per rimuovere (adsorbire) l'umidità presente nell'aria compressa e per ottenere un PDP < 3 °C (-40 °C o -70 °C) a seconda dell'essiccatore e dell'opzione che si sceglie di utilizzare).
L'essiccatore ad adsorbimento è richiesto per l'uso a temperature ambiente inferiori allo ZERO per impedire la formazione di ghiaccio nei tubi e nelle applicazioni. 

Quali sono i vantaggi offerti da un essiccatore integrato?

Ingombro nettamente ridotto con costi di installazione notevolmente inferiori grazie al minor numero di tubi e raccordi richiesto. Uno svantaggio può essere rappresentato dall'accesso ridotto ai punti di manutenzione a causa dell'integrazione all'interno del compressore.

Quali sono gli argomenti che, in quanto concessionario, funzionano per promuovere i miei essiccatori ai clienti?

L'azienda produce più di 12.000 essiccatori all'anno. Buoni prezzi e alta qualità, insieme a costi di manutenzione ridotti, sono sicuramente alcuni degli argomenti principali. Il design compatto e l'ampia gamma di produzione sono altri argomenti che possono avere un certo impatto. La semplicità e la disposizione ben pianificata dei componenti sostituibili garantiscono una manutenzione facile e rapida. 

Solo per i distributori